Ad ogni tavolo il suo divano

Scritto da Marco Felaco 15/02/2018 0 Commenti

Oggi parliamo di coppie. No, tranquilli niente gossip né suggerimenti su come far procedere a gonfie vele un rapporto. Parliamo, infatti, di un connubio che può superare indenne lo scorrere del tempo purché si faccia la scelta giusta. Mi riferisco al tavolo da abbinare al divano. Ecco qualche pratico suggerimento per fare la scelta giusta.

 

Partiamo da un assunto: divano e tavolino sono il cuore della zona conversazione. Pertanto l’obiettivo è organizzare lo spazio in base alle dimensioni dell’ambiente, inoltre assecondare il gusto e le aspettative di chi vive la casa. Possiamo restare sul classico (con un divano in pelle abbiamo scelte assai variegate) oppure possiamo sperimentare.

Di seguito qualche dritta che potrà tornare utile nella scelta di questi due complementi d’arredo che sembrano essere fatti l’uno per l’altro.

 

1. Divano in pelle

La domanda che tutti si sono posti, almeno una volta, è: quale tavolino abbinare al classico divano in pelle? Ipotizzando un divano dalle dimensioni standard, la soluzione più pratica è quella di un tavolino centrale convenzionale, in legno chiaro. In alternativa, un’altra opzione potrebbe essere quella di puntare su un tavolino con un top diverso rispetto ai soliti modelli.

 

 

2. Essenzialità chic

Nel caso in cui aveste scelto un divano scuro dal design minimal, l’ideale sarebbe puntare su un modello essenziale e ampio, magari con un piano in vetro. Il guizzo potrebbe essere rappresentato dalla scelta di un tappeto da posizionare proprio sotto il tavolino.

 

 

3. Industrial style

Amanti del vintage, è arrivato il momento di gratificarvi. I divani in pelle diventano sempre più affascinanti col passare del tempo. In uno stile come l’Industrial, quindi, un complemento d’arredo del genere è perfetto.

 

 

In questo caso la scelta del tavolino dev’essere in linea con il contesto. Il suggerimento: un tavolino centrale, innanzitutto, meglio se un modello di legno decapato e invecchiato, oppure realmente vecchio, con una dimensione proporzionata al divano.

 

4. L’insolita coppia

E se al tavolino non abbinassimo un divano ma dei pouf? Prendete seriamente in considerazione questa ipotesi, specie se si ha spazio a disposizione e si è abituati a ricevere ospiti (pertanto ci sarà bisogno di qualche seduta in più). Preferibilmente evitate le dimensioni mini e coordinatelo con le sedute. La posizione ideale sarà al centro dell’ambiente oppure di lato.

 

 

 

5. Largo ai colori

Sempre più aziende propongono divani tanto in pelle quanto in ecopelle, con colorazioni variegate. Nel caso in cui sceglieste questa tipologia di divano, il suggerimento è quello di fare una scelta prudente. Un tavolino neutro, tanto dal punto di vista stilistico quanto quello cromatico.

 

 

 

6. Le dimensioni contano

Chiudiamo con la dormeuse o la chaise longue, un complemento d’arredo sempre apprezzato. Sceglierli significa dedicare grande spazio alla conversazione e all’accoglienza degli ospiti.

 

 

In casi del genere, largo a un tavolino formato da un unico elemento dalle dimensioni sostenute, oppure puntare su più elementi funzionali da disporre ai lati dell’imbottito. Dal punto di vista stilistico, orientarsi su un modello classico, magari con un piano in marmo, così da dare al tavolino l’importanza che merita.