Questo sito o gli strumenti da questo sito utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Leggi qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera acconsenti all'uso dei cookie.

COME TRASFORMARE LE PARETI IN QUADRI

Scritto da Stanislao Catarcio 01/05/2016 0 Commenti Idee,
Per dare tono e carattere alla casa basta un semplice gesto, basta scegliere la carta da parati giusta.  I muri si vestono di colore e l’ambiente si rinnova esaltando i volumi, sono questi gli effetti di una buona carta da parati. Floreali, urbani, retrò, geometrie, dal design creativo, ogni motivo contribuisce a personalizzare e dare carattere all’ambiente in cui si vive.
 
 
Nata con l’intento di ricreare gli sfarzosi arazzi dei palazzi nobiliari, la carta da parati ha avuto un evoluzione che l’ha portata a diventare, oggi, un oggetto di design, essenziale nell’arredamento moderno.
 
 
L’uso della carta da parati diventa dunque anche una scelta progettuale precisa ,trame innovative, materiali seducenti, colori sfolgoranti, texture dalle sensazioni tattili, un perfetto mix di ingredienti per esaltare con gusto un ambiente attraverso l'uso della carta da parati.
 
Una nota di colore, una fantasia ricercata, se collocata nel punto giusto può conferire a un'abitazione quel tocco di originalità che ben calibrato non guasta mai e aiuta di certo a spezzare monotonia e conformità e può dar luogo ad ambienti accoglienti, vivaci, rilassanti o di carattere e stupirci senza porre limiti all'estro creativo.
 
 
 
 
 
Se scegliere il colore con cui tinteggiare i muri di casa non è un’impresa facile, scegliere la giusta carta da parati è ancora più difficile, in quanto oltre al colore bisogna prendere in considerazione le trame e le fantasia. La carta da parati, può ingrandire o rimpicciolire visivamente gli ambienti, togliere o dare profondità, conferire un look drammatico e intenso o semplice e leggero.
 
 
 
 
 
Oggi cercherò di esporvi alcuni consigli utili nella scelta della carta da parati per la vostra casa.
 
Un primo consiglio è decorare una sola parete con la carta da parati e lasciare le altre bianche o con tinta neutra, in questo modo l’effetto sarà meno invadente e avrete sempre la possibilità di andare a decorare successivamente anche le altre pareti. La tecnica di decorazione parziale si usa anche per enfatizzare un particolare dell’arredo, applicando la carta dietro la testata del letto o il divano, oppure allo scopo di definire un’area in una stanza, per esempio la zona pranzo nel living.
 
 
Se la stanza è piccola e poco luminosa, è necessario evitare le tinte scure. Prediligere quindi quelle chiare, senza decorazioni, in modo da far respirare la stanza e creare l'illusione che sia più grande di quanto è in realtà. Se invece è grande e spaziosa, è possibile, soprattutto se gran parte delle pareti sono vuote, scegliere una carta da parati importante, con belle decorazioni. Se i tetti sono alti, meglio optare per motivi alinee orizzontali; se, invece, sono bassi, meglio quelle verticali per dare più slancio.
 
 
 
 
 
Il secondo passo da fare è quello di scegliere il giusto materiale con cui è fatta la carta da parati: ne esistono, infatti, di diversi tipi, come carta, stoffa, vinile, nylon e molti altri. Le più comuni sono carta e tessuto: la prima dura a lungo e la seconda richiede poca manutenzione. Un’altra soluzione particolare è costituita dalla carta floccata che rende tridimensionali fantasie e motivi, conferendo uno speciale senso volumetrico. 
 
 
 
 
 
Poi arriva il momento più difficile scegliere il colore e il motivo giusto, adattandola al tipo di attività che si svolge nell’ambiente di riferimento. Ecco alcuni esempi.
 
La zona giorno è l’ambiente dedicato alla conversazione e all’intrattenimento, quindi la carta da parati scelta dovrebbe essere allegra, colorata e riccamente decorata con trame e fantasie. Lavanda e blu e le loro sfumature riescono a trasmettere senso di rilassatezza, ma allo stesso tempo incrementano l’attività celebrale.
 
 
 
 
 
La camera da letto invece, chiede fantasie e grafiche rilassanti e “rinfrescanti”, con colori tenui e mai troppo brillanti e accesi. Perfetti sono gli elementi della natura: piante, sabbie del deserto, cieli e mari.
 
 
 
 
In cucina, invece, possiamo tranquillamente ritornare a qualcosa di più forte a livello cromatico e di decorazione. In questo ambiente, cuore della casa, la giornata inizia e finisce, qui ci si può scatenare con la fantasia e con soggetti che riportano alla mente il cibo e la sua preparazione. Colori come il giallo e l’arancio stimolano il metabolismo e trasmettono energia. Sbagliatissimo chi dice che in questo ambiente la tappezzeria assorbe gli odori, la carta da parati oggi è molto resistente, facilmente lavabile ed è anche un ottima soluzione per sostituire le tradizionali piastrelle.
 
 
 
 
 
Infine anche l’ufficio può essere decorato con una bella carta, ma trattandosi di un ambiente serio e dedicato al lavoro e alla concentrazione, sono da escludere le stampe troppo floreali e dai colori troppo accesi ed è meglio optare, invece, per qualcosa di sobrio ed elegante.
 
 
 
Stanislao Catarcio
Architetto Prezioso Casa
 
 
 
 
 
Tag: pareti quadri

Scrivi un commento