Come arredare la camera da letto con personalità

Scritto da Cesare De Stasio 21/03/2018 0 Commenti Arr. Cesare De Stasio,

 

Due giovani professionisti hanno visitato il nostro showroom stamattina. Prima di accompagnarli in un tour tra gli Expo, ho voluto saperne di più sulla loro storia e sulla loro vita privata. Il motivo è semplice: volevo creare empatia con questi due ragazzi e cercare di suggerire loro la scelta migliore per arredare la loro nuova camera da letto.

 

 

Lui, 41 anni, è un cardiologo. Lei, 36, è un’anestesista. Due professionisti del settore medico, abituati a lunghe giornate lontano da casa, desiderano una camera da letto elegante ma funzionale poiché, quando i turni in ospedale lo permettono, si concedono qualche ora di relax tra le mura domestiche.

Sul sito di Prezioso Casa hanno dato un’occhiata alla gallery dedicata alla linea Prezioso Atelier ed è lì che li conduco, con la sicurezza di assecondare il loro gusto e le loro aspettative.

Per quanto riguarda la scelta dell’armadio, convince fin da subito uno che ha un effetto “vedo non vedo” nel quale vetro e legno si sposano alla perfezione.

 

 

 

 

 

 «Sono una maniaca dell’ordine» precisa lei, «pertanto non ci sarà il rischio di brutte figure». La zona a vista dell’armadio, assicura, sarà sempre perfetta.

Per quanto riguarda il letto, invece, la scelta ricade su uno che presenta un giroletto in velluto, molto elegante e abbinato alla perfezione con l’armadio.

 

 

 

 

 

Questa scelta sposa il concetto di eleganza con quello di praticità, poiché contiene un vano sottostante, nel quale poter riporre coperte e piumoni assecondando così il desiderio di ordine di lei.

Alle spalle del letto, dopo una serie di valutazioni di entrambi, suggerisco loro una boiserie con elementi magnetici.

 

 

 

 

Questi elementi, facilmente removibili,  potranno essere spostati agevolmente creando nuove inaspettate soluzioni.

Accettata di buon grado la proposta di comodini dissociati e quella di un tavolino, arriviamo al nodo cruciale: l’illuminazione.

 

 

 

 

 

Lei punta all’eleganza, lui che ama leggere a letto, desidera una soluzione pratica. Il punto d’incontro è la scelta di un’applique a muro che non scontenti nessuno dei due coniugi.

Terminata la visita ci salutiamo. Il largo sorriso con cui mi viene detto «A presto» ripaga qualsiasi sforzo. Il medesimo sorriso con cui concludo questo post, con la promessa di aggiornare presto il mio blog.