Come scegliere il divano giusto

Scritto da Luigi Piperno 22/02/2018 0 Commenti Divani,Arr. Luigi Piperno,

Dieci anni. Da ormai dieci anni lavoro nel settore dell’arredamento e ho potuto constatare che l’arredo è quanto di più simile all’essere umano possa esistere: si evolve e muta forma a seconda, innanzitutto, delle nostre esigenze, ma pure delle mode e delle abitudini sociali. «È naturale» mi sono detto. «Cambiamo noi, di conseguenza cambia il nostro modo di interpretare il concetto di casa».

Dai racconti dei miei genitori so che la casa degli anni ’50 rispecchiava perfettamente una società molto formale e dedita all’etichetta. Il soggiorno veniva concepito come la stanza di rappresentanza. Un posto sempre impeccabile e poco utilizzato. Il biglietto da visita della famiglia secondo alcuni, in realtà una vera e propria barriera tra la zona aperta agli ospiti e le aree non accessibili della casa, come la camera da letto che invece era (e forse è ancora) il limite invalicabile di massima privacy.

 

La metamorfosi... del salotto.

Senza voler scomodare Ovidio o Kafka, si può dire che il salotto abbia subito un radicale cambiamento nel corso degli ultimi decenni. Rappresenta, secondo le statistiche, l’ambiente più grande dell’appartamento (arriva a occupare anche il 40-45% dell’intera superficie della casa) ed è, per avere un linguaggio al passo coi tempi, l’ambiente più social. Già perché il nuovo ambiente living è centrale, ha la cucina a vista e permette di incontrare gli ospiti, chiacchierando con loro, guardando una partita o godendosi un momento di relax sul divano.

Multifunzione. Questa la parola che gli addetti ai lavori si tramandano da un po’ di tempo. Termine sempre più familiare per tutti coloro che, recandosi presso il nostro showroom, decidono di puntare sul restyling della casa, rendendo l’ambiente domestico al passo coi tempi ma soprattutto multifunzionale. Va da sé la scelta di arredi componibili e in grado di soddisfare più di un’esigenza. La cucina, dunque, diventa sempre più smart, il bagno di certo non è da meno, per non parlare del soggiorno nel quale il divano diventa autentico protagonista dello spazio.

 

 

 

Divano: non solo l’occhio vuole la sua parte.

Negli expo 1 e 5 del nostro showroom di Castel Volturno si può scegliere il divano dei propri sogni, affidandosi all’estro, oppure al senso pratico. All’estetica o, semplicemente, assecondando il desiderio di riposarsi. In ogni caso, il concetto di divano cambia e punta alla funzionalità. Basamenti eleganti e personalizzabili, sui quali appoggiare cuscini di seduta e schienale. Partendo da solide strutture che fanno da fondamenta, la componibilità diviene praticamente infinita, perché oltre ai classici elementi di seduta posso abbinare gli accessori creati per il divano: mensole, librerie, divisori e pouf.

 

Il divano, di fatto, diviene il direttore di un’orchestra da camera (perdonatemi il gioco di parole, ma dal vostro sorriso intuisco che un pizzico di ironia non guasta) in grado di fondersi con la stanza. Un piacevolissimo tutt’uno che fa bene agli occhi, alle relazioni sociali ma anche, e forse soprattutto, al nostro benessere psicofisico.

 

 

 

Nelle foto che vedete è chiaro come lo spostamento di alcuni cuscini o accessori permetta di modificare la composizione, creandone una completamente nuova, tanto ad angolo quanto lineare. Per gli amanti della lettura comoda, suggeriamo di abbinare un’elegante lampada che abbini alla funzionalità il buon gusto, così da rendere ancor più elegante il nostro pratico ambiente.

 

 

 

 

Mi auguro che questi consigli vi siano stati d’aiuto. Ricordate che la zona giorno ormai è il vero fulcro della casa, ha assorbito la cucina e si è aperta ad accogliere le relazioni sociali. Pertanto scegliete un divano che si mostri comodo e confermi questa sua qualità nel momento in cui vi ci accomoderete.