Complementi d’arredo evergreen

Scritto da Chiara Civitillo 08/03/2018 0 Commenti Arch. Chiara Civitillo,

Evergreen. Si può sintetizzare con questo vocabolo il concetto di “non passa mai di moda”. Un concetto che possiamo applicare all’arredamento, poiché sono molti i complementi che, in barba al tempo che passa e alle mode che nascono ogni anno, continuano a esercitare il loro fascino.

Qualcuno li definisce pezzi “furbi”, poiché per la loro funzionalità, le dimensioni (talvolta) contenute e altre caratteristiche possono, nel tempo, essere spostati da una stanza all’altra o anche essere reinventati, ma di cui non ci stancheremo mai.

 

1. La consolle

Vero e proprio evergreen, la consolle è, tra i complementi d’arredo, quella in grado di resistere alle mode e agli stili all’interno di qualsiasi abitazione. Poiché ha la funzione di contenitore, è utile e apprezzata e ha la capacità di poter arredare ambienti diversi.

Facile da posizionare all’ingresso o in corridoio, specie quando piccola, può essere riproposta: in bagno, cucina e pure in soggiorno, solitamente suo habitat naturale.

 

 

 

2. Carrello bar

In barba allo scorrere del tempo, il carrello bar (o portavivande) è un altro classico che tiene testa agli stili e alle concezioni nuove del design.

Pur restando, quasi sempre, confinato in un angolo, non perde il suo valore ma, soprattutto, il suo fascino. Quest’ultima affermazione è supportata dalla scelta di tantissime case di arredamento di proporne un modello.

Minimal, moderno, pluridecorato, il carrello riesce ad adattarsi a qualsiasi ambiente dimostrando un inaspettato, quanto funzionale, spirito di sopravvivenza.

 

 

 

3. Il sofà

Il sofà può essere paragonato al tubino nero per una donna o all’abito scuro per un uomo: qualcosa che serve e che non passa mai di moda. Mai.

In pelle o in tessuto, un sofà, specie se bianco o con una tonalità chiara, rende l’ambiente elegante regalandogli calore, può inoltre adattarsi a qualsiasi ambiente. Perfetto tanto col classico quanto col contemporaneo, può essere arricchito da cuscini e plaid, così da creare un funzionale gioco cromatico.

 

 

 

4. Il tavolo rotondo

Se, di fronte a un tavolo rotondo, venite colti da improvvisa perplessità, fugate ogni dubbio. Questo tipo di arredamento non stanca e non passa di moda, a prescindere dal materiale (vetro o marmo) e dalla tonalità (chiara o scura). Il tavolo rotondo risulta comodo lì dove c’è spazio e gli si possono abbinare sedute leggere e informali o accoglienti poltroncine.

 

 

 

5. Le lampade da terra

In questo caso, vale il discorso del carrello bar: la lampada da terra è un complemento d’arredo che, da sempre, abita le nostre case. E lo fa in modo assai discreto, mostrandosi versatile di fronte a qualsiasi stile o nuova concezione di arredamento, conservando la sua funzione totemica (ricorda infatti una scultura).

Differenti le tipologie, altrettanto le fogge, le lampade da terra tornano utili di fianco a una poltrona per la lettura, accostate a una parete per chi ama la luce indiretta o in sostituzione del più comune lampadario.

 

 

 

6. Lo specchio

Consentitemi un attributo per parlare dello specchio: generazionale. Non uno, infatti, è il nucleo familiare all’interno del quale lo specchio è stato tramandato di madre in figlia per generazioni. Un modo per trasmettere non solo eredità materiali, ma pure affettive.

Quanto sia importante non è necessario ripeterlo, talvolta si parla addirittura di vero e proprio punto focale. Una specchiera antica o moderna, è molto versatile e riesce  a impreziosire tanto un angolo quanto un’intera stanza. In grandissima voga il restauro delle specchiere antiche.

 

 

 

7. Il letto in ferro

Eccoci di fronte all’annosa questione di questo post: il letto. Trattandosi di un investimento a lungo termine, molti temono di poter stancarsi del proprio letto o di vederlo invecchiare all’interno della propria camera da letto.

L’offerta sul mercato è vastissima, indipendentemente dalle mode. Il letto in metallo (ferro battuto, acciaio cromato, ecc.) sembra fare al caso nostro, visto che le sue linee estremamente semplici si adattano a qualsiasi ambiente. Scegliendo un letto del genere, non si corre il rischio di doverlo sacrificare durante una ristrutturazione.

 

 

 

8. La poltrona

Chiudiamo in bellezza: la vecchia poltrona tanto in voga nelle case delle nostre nonne. A dispetto del tempo che passa, continua a essere: comoda, pratica ma soprattutto cool.

Funzionale alla lettura, trova nella zona divani il suo posto d’onore. In versione classica, con spalliera alta e braccioli divaricati, ai modelli più alla moda, la poltrona non perde mai i suoi tratti fondamentali: la comodità della seduta e la possibilità di essere inserita in ogni stanza di casa.