Come pulire il cotto

Scritto da Chiara Civitillo 28/12/2018 0 Commenti Cucine,Giorno,Arch. Chiara Civitillo,

Cari lettori del blog di Prezioso Casa, l’argomento di questo post è quel che amo definire “croce & delizia” per chi vuole rinnovare i pavimenti della propria abitazione: il cotto.

Il cotto, infatti, è un materiale pregiato che arreda con gusto qualsiasi ambiente domestico, tuttavia la sua porosità lo porta ad assorbire facilmente tanto lo sporco quanto l’unto, pertanto se si vuole preservare il suo aspetto sono necessarie alcune accortezze.

Vediamo insieme come pulire il cotto nel quotidiano per mantenerlo bello a lungo.

 

Attenzione fin dalla posa: Fedeli al motto “prevenire è meglio che curare”, trattiamo il nostro cotto fin dalla posa con una vernice idrorepellente o con la cera, così da renderlo impermeabile, più resistente alle macchie e più facile da pulire in futuro. Questo trattamento, inoltre, lo renderà più lucente.

Ricordiamo, però, che il trattamento non è definitivo. Col tempo, infatti, sarà necessario qualche richiamo poiché sia la verniciatura che lo strato di cera si assottiglieranno.

 

 

Come mantenerlo pulito: Per la manutenzione ordinaria è necessario seguire poche semplici istruzioni. Innanzitutto tenere sempre ben pulito il pavimento, evitando così che eventuali macchie si sedimentino, costringendoci a faticare non poco per rimuoverle.

Restando in tema di pulizia quotidiana, ricordo che è importante spazzare bene il cotto e lavarlo poi con acqua un paio di volte, così da raccogliere bene lo sporco e passare poi un panno morbido per asciugare, oppure aprire le finestre e lasciare che l’aria lo asciughi velocemente.
Una volta al mese, invece, è consigliabile fare una pulizia più accurata, detergendo il pavimento con una miscela di acqua, alcool (1 cucchiaio) e aceto (1 cucchiaio).

 

 

Come pulire il cotto esterno: Se posizionato all’esterno, il cotto può essere soggetto all’acqua piovana o alle intemperie. In questi casi è necessario agire subito, rimuovendo quanto prima le macchie o gli aloni con una miscela di olio d’oliva e bicarbonato, da stendere con una spugna e lasciar agire per circa dieci minuti. Passare poi la miscela di acqua, alcool e aceto per sgrassare bene e pulire il pavimento.

 

Come togliere le macchie: Valutiamo, anzitutto, l’entità della macchia. Se di natura alimentare, la soluzione migliore consiste nel lavare il pavimento con una miscela di acqua e bicarbonato, strofinando bene e versando il bicarbonato direttamente sulla macchia qualora questa non desse segni di cedimento. In quest’ultimo caso, strofinare con un panno morbido imbevuto di acqua e sapone di Marsiglia. Dopo il trattamento, risciacquare bene e asciugare poi con un panno morbido.

 

 

Qualora la rimozione delle macchie avesse tolto lucentezza al pavimento, passate uno straccio con qualche goccia di olio di oliva, stendendolo con movimenti circolari così da fare assorbire per bene l’olio rinvigorendo così il pavimento.

 

Chiosa personale: suggerisco di non utilizzare prodotti e detersivi troppo aggressivi sul pavimento in cotto, ma preferire soluzioni naturali con acqua, aceto, alcool, bicarbonato e, soprattutto, olio di gomito!

 

Anche per questa volta è tutto. Ci ritroviamo al prossimo post.